Il miracolo dell’acqua


Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni

Crescita Personale, Mindfulness & Felicità, Salute & Benessere

In questa ulteriore opera, Masaru Emoto condivide nuove fotografie di cristalli di acqua esposti alle parole e ci racconta del potere della risonanza e della vibrazione dell’energia e delle parole che la esprimono. Un messaggio di speranza e crescita è...




Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni

Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni è disponibile su Amazon Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni è disponibile su Il Giardino dei Libri

Perchè leggere questo libro

Innanzitutto, perché guardare le fotografie dei cristalli di acqua esposti alle parole positive è meraviglioso. È strabiliante poi fare il paragone con i cristalli di acqua esposti a parole negative. Perché il libro è incentrato sul concetto di...


Tempo di lettura di questa scheda riassuntiva del libro "Il miracolo dell’acqua" di Masaru Emoto è di circa 5/10 min.

Abbonati anche tu a DISIATO per leggere la scheda completa di questo libro riassunto per te dal nostro team.

Con DISIATO risparmi tempo e denaro!








Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni

Riassunti di libri di crescita personale


Masaru Emoto, Il miracolo dell’acqua, Il punto d’incontro, trad. G. Agnoloni Chi è l’autore? Masaru Emoto (Giappone, 1943 – 2014) è stato ricercatore, autore, conferenziere a livello internazionale. Laureato presso l’Università di Yokohama nel dipartimento di Humanities and Sciences, ha conseguito anche un dottorato in medicine alternative. Ha fondato l’IHM, istituto di ricerca e era presidente emerito per la Water for Life Foundation. Qual è l’intento dell’autore? In questa ulteriore opera, Masaru Emoto condivide nuove fotografie di cristalli di acqua esposti alle parole e ci racconta del potere della risonanza e della vibrazione dell’energia e delle parole che la esprimono. Un messaggio di speranza e crescita è mantenuto lungo tutto il libro in cui l’autore condivide dritte per applicare concetti quali “amore e gratitudine” nel quotidiano, non solo attraverso l’acqua. Questo libro insegna: • L'energia delle parole e l'acqua. Il 70% della superficie terrestre è composta di acqua, come il 70% del corpo umano è fatto di acqua. L'autore ci spiega che per molti anni ha fotografato i cristalli di acqua in fase di congelamento, precedentemente esposti a parole scritte e poi confrontati tra loro per notare le differenze. L'originale scoperta di Masaru Emoto fu che il campione di cristallo esposto a una parola positiva come «Grazie» è più armonico e sicuramente diverso dal cristallo esposto ad una parola negativa come «Stupido». Nel parallelo terra-corpo, l'autore ci fa capire che anche l'acqua del nostro corpo può essere influenzata dall'energia racchiusa nelle parole. Per esempio, per purificare l'acqua presente nel nostro corpo, l'autore ci spiega che possiamo semplicemente esporci a parole positive come «Grazie» e «Ti amo» per creare dentro di noi cristalli armoniosi. • La relazione tra parole e acqua. Le parole non sono solo strumenti per comunicare con gli altri, esse contengono l'elemento della vibrazione. Piuttosto che bere grandi quantità di acqua per la propria salute e bellezza, l'autore ci riprende suggerendoci di concentrarci più sulla purificazione dell'acqua che forma il nostro corpo. Le parole nelle diverse lingue derivano dai suoni della natura. Tali suoni, gradevoli o sgradevoli, imitano i suoni della natura e ciò che è piacevole e spiacevole, e sono diventati il nostro linguaggio. Sin dall'antichità ciò che veniva osservato era descritto con le parole che esprimevano la natura, per fenomeni piacevoli con suoni piacevoli per fenomeni spiacevoli con suoni spiacevoli. Di conseguenza, l'acqua esposta a belle parole forma dei bei cristalli, di contro parole sgradevoli formano cristalli disarmonici. E questo, ci sorprende l'autore, accade in tutte le lingue: il cristallo della parola «Grazie» e il suo corrispondente «Arigatò» pur essendo parole completamente diverse, hanno cristalli molto simili. La conclusione di questa scoperta è che, nonostante le parole di lingue diverse siano così differenti, si sono tutte formate in base a un principio naturale. • Emozioni e cristalli. Guardare un cristallo di acqua che ci attira è, secondo l'autore, ciò che desideriamo di più in quel momento. Vivere dai 7 ai 10 giorni un determinato stato d'animo riesce a cambiare la nostra vita, ci dice l'autore, e ci suggerisce di iniziare guardando le fotografie dei cristalli nel libro. Il cristallo corrispondente alla frase «Ce la posso fare» è solido e armonioso, esso - secondo l'autore - sembra dirci che se ci crediamo possiamo fare qualsiasi cosa. La semplice vicinanza creerà relazione di risonanza alla parola, pronunciando quella specifica parola il nostro corpo risponderà alla vibrazione. I giapponesi credono che le parole abbiano uno spirito e che per realizzare i nostri sogni dobbiamo usare il tempo passato. Cioè, è molto meglio dirsi «Ce l'ho fatta» piuttosto che «Ce la posso fare», oppure dirsi «Ho fatto questo è quello» piuttosto che dire «Posso fare questo è quello». Utilizzando il passato pare si crei un livello energetico particolarmente forte che ci aiuta a realizzare i nostri obiettivi. • Il potere delle parole di incoraggiamento. La risonanza è il tema principale di questo libro e l'autore ce lo ricorda portando ad esempio la relazione tra le parole amore e gratitudine. Se l'amore viene da dentro e si riversa all'esterno verso la persona a cui è rivolto, la gratitudine è il sentimento provato da questa persona che riceve la vibrazione. Quindi quando incoraggiamo le altre persone rendiamo servizio anche alla nostra capacità vibrazionale. Qualsiasi parola che trasmette energia positiva ad altri, dona energia positiva a chi la pronuncia. L'autore porta ad esempio l'incoraggiamento fatto un bambino che deve studiare per un'ora, ma che dopo 30 minuti è già stanco. Se noi ci complimentiamo per ciò che è stato fatto anziché riprenderlo, il bambino si sentirà gratificato per il complimento ricevuto e forse continuerà a studiare. Le parole creano il futuro: chi continua a ripetere frasi come «Non c'è speranza» o «Non può funzionare» crea il suo futuro e andrà incontro, con ogni possibilità, a un esito negativo. • Vibrazione e risonanza. Gli scienziati dicono che tutto vibra, perciò tutto emette un suono, anche se l'orecchio umano è incapace di udirlo. Un hertz equivale a una vibrazione al secondo e l'orecchio umano è capace di udire suoni compresi tra i 15 e i 20.000 hertz. La risonanza è il semplice atto della vibrazione che procura un'ulteriore vibrazione. Il classico esperimento dei due diapason aiuta l'autore a spiegare questo fenomeno: se colpiamo un diapason per produrre una vibrazione sonora e ne poniamo un altro vicino, questo inizierà a emettere lo stesso suono. Questa è la risonanza e, perché funzioni, i due oggetti devono avere lo stesso numero di vibrazioni. Se la vibrazione è energia, allora la risonanza è il modo in cui si propaga perché trasmette l'energia stessa. Questo aiuta l'autore a farci capire che la vita è vibrazione e quindi continua necessariamente dopo la morte. «La vita non necessita di un corpo per poter continuare», ci dice l'autore, la vita è come un vestito affittato per un breve periodo che prima o poi dobbiamo restituire. Ma questo fatto in sé non equivale alla fine della vibrazione. L'anima, liberata dal corpo, continua a vibrare rendendo quindi la vita eterna. • La risonanza nella comunicazione. Se due persone vibrano a frequenze diverse sarà scontato che presto o tardi si allontaneranno per risolvere le divergenze. L'autore crea un parallelo con la tastiera di un pianoforte che contiene tasti bianchi e neri e ciascuno dei quali è essenziale alla formazione della tastiera ma alcuni tasti risuonano con altri e invece due suonati insieme possono stonare. Ad esempio, do-mi-sol è un accordo armonioso, do suonato insieme al re crea disarmonia. Un modo per migliorare la relazione con una persona è quello di allineare la propria frequenza con quella della persona con la quale vogliamo andare d'accordo. Come? Mettendosi nei suoi panni e guardando il mondo con i suoi occhi, e immaginando di mettersi sulla stessa frequenza e risuonare con lui o con lei. • Il potere delle parole dette a noi stessi. L’acqua esposta alla musica ne percepisce le vibrazioni in una sola mezz’ora, mentre per le parole scritte è necessario un giorno. Come per le casse acustiche, le vibrazioni sono più forti con il suono, piuttosto che scriverle l'autore consiglia di pronunciare le proprie frasi. Proprio come i sutra buddisti (simili agli inni religiosi, i sutra buddisti hanno un bel suono che genera cristalli armoniosi) o un canto intonato, i suoni possono entrare in risonanza con le nostre vibrazioni come un diapason che fa risuonare l'altro."Amore" e "gratitudine" sono le due parole che convinsero Ida Urso nel 2006 ad invitare Masaru Emoto come speaker ad un seminario sulla spiritualità e la pace alle Nazioni Unite. Il dott. Emoto ricorda l'invito della Urso espresso più o meno così: «Finché resteremo attaccati ai nostri paradigmi antiquati, non saremo mai in grado di trovare nuove soluzioni. Per realizzare i nostri scopi e traghettare il genere umano da una cultura della guerra a una cultura della pace, abbiamo bisogno di promuovere l'importanza della spiritualità, l'importanza dell'amore e della gentilezza. Saremmo felici se il dr. Emoto ci volesse parlare dell'energia della compassione formata da una parte di amore e due parti di gratitudine.» Citazioni: «Le parole sono una forma di vibrazione.» «Siamo tutt'uno con le vibrazioni dell'universo.» «Gli esseri umani si sono sviluppati, nel corso della storia, proprio per realizzare i loro sogni, e questa è la nostra evoluzione naturale.» «Non c'è niente di ciò che potete onestamente desiderare che non sia, in qualche modo, possibile.» «Chiedetevi quanto siete consapevoli del fatto di essere composti d'acqua.» «Se sei miliardi e mezzo di persone continueranno a pensare come fanno adesso, saremo fortunati se il pianeta durerà altri 20 anni.» «Noi stessi e il nostro pianeta abbiamo entrambi bisogno di una vibrazione stabile, per sopravvivere.» Perché leggere questo libro: Innanzitutto, perché guardare le fotografie dei cristalli di acqua esposti alle parole positive è meraviglioso. È strabiliante poi fare il paragone con i cristalli di acqua esposti a parole negative. Perché il libro è incentrato sul concetto di vibrazione e risonanza e l’autore ci spiega come sia – non solo importante – ma ormai essenziale pensare in termini di pace e armonia per salvare il nostro pianeta sovrappopolato. Perché ci aiuta a salvare noi stessi grazie al potere dell’acqua e della parola – acqua come veicolo e parola come vibrazione. Perché ci insegna anche a relazionarci grazie alle parole e alle giuste vibrazioni in risonanza con le altre persone. Questa scheda è stata realizzata da Barbara C. Categoria: Mindfulness & Felicità, Salute & Benessere