Chi ha spostato il mio formaggio?


Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling e Kupfer, trad. A. Guaraldo

Crescita Personale, Crescita & Sviluppo

Questa storia è stata scritta dall’autore in un momento di difficile cambiamento che egli stava vivendo. Attraverso questa favola divertente e istruttiva egli intende rivelare una profonda verità sul cambiamento. 




Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling e Kupfer, trad. A. Guaraldo

Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling e Kupfer, trad. A. Guaraldo è disponibile su Amazon Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling e Kupfer, trad. A. Guaraldo è disponibile su Il Giardino dei Libri

Perchè leggere questo libro

Perché questa favola apparentemente molto semplice è in realtà una parabola nella quale tutti i lettori possono riconoscersi. Il cambiamento è una costante della nostra vita ed è importante sapere come affrontarlo senza lasciarsi sopraffare dalla paura....


Tempo di lettura di questa scheda riassuntiva del libro "Chi ha spostato il mio formaggio?" di Spencer Johnson è di circa 5/10 min.

Abbonati anche tu a DISIATO per leggere la scheda completa di questo libro riassunto per te dal nostro team.

Con DISIATO risparmi tempo e denaro!








Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling e Kupfer, trad. A. Guaraldo

Riassunti di libri di crescita personale


Spencer Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio?, Sperling & Kupfer, trad. A. Guaraldo Chi è l’autore? Spencer Johnson è medico e psicologo statunitense. Autore di numerosi bestseller internazionali, è ideatore e coautore del libro One Minute Manager, scritto con il leggendario consulente di direzione Ken Blanchard, che è divenuto il più conosciuto metodo di management del mondo.  Qual è l’intento dell’autore?  Questa storia è stata scritta dall’autore in un momento di difficile cambiamento che egli stava vivendo. Attraverso questa favola divertente e istruttiva egli intende rivelare una profonda verità sul cambiamento.  Conosci meglio il libro:  • Chi sono i protagonisti della storia? Sono quattro minuscole creature due topolini (Nasofino e Trottolino) e due gnomi (Tentenna e Ridolino) che vivono in un Labirinto e che sono quotidianamente alla ricerca di un Formaggio. L’autore utilizza il Formaggio e il Labirinto come la metafora di ciò che vorremmo avere nella nostra vita ed il luogo in cui cerchiamo ciò che desideriamo. Nonostante le due coppie di creature fossero molto diverse, all’inizio della storia si comportavano in maniera abbastanza simile: ogni mattina si alzavano, si preparavano e andavano alla ricerca del formaggio. Ciascuna coppia, grazie ai propri strumenti caratteristici, riuscì finalmente un bel giorno, a trovare tra gli intricati corridoi del labirinto il suo formaggio preferito.  • Una volta trovato il proprio Formaggio, le due coppie di minuscole creature cominciarono a comportarsi in maniera diversa, ciascuna seguendo un proprio schema ben determinato. I topolini continuarono ad alzarsi di buonora ogni mattina per raggiungere il deposito del loro formaggio preferito, dove sempre pronti per ogni evenienza si godevano tutta quella bontà. Anche gli gnomi, i primi tempi si precipitavano al deposito a godersi il loro formaggio, ma ben presto, le loro abitudini cominciarono a cambiare: arrivati al deposito si mettevano comodi convinti che il loro successo raggiunto fosse al riparo da ogni sorpresa. Trasferirono le loro dimore più vicine al deposito, attorno al quale si costruirono anche una vita sociale. Erano molto sicuri di loro, cosa che presto si trasformò in un’arroganza capace di offuscare la realtà. • La sparizione del Formaggio. Un giorno i topolini scoprirono che al Deposito il Formaggio era sparito. Il fatto non li colse di sorpresa perché si erano accorti che le riserve iniziavano a scarseggiare ed il formaggio non aveva più lo stesso buon sapore di prima. Ma essi sapevano cosa fare: uscirono dal Deposito e andarono alla ricerca di Nuovo Formaggio. La scoperta trovò del tutto impreparati i due gnomi che non avevano colto alcun segnale della scarsità. Essi si rifiutavano di accettare la dura realtà poiché avevano perso nello stesso momento sia il loro approvvigionamento quotidiano di cibo sia la sicurezza e la felicità. Pensavano che quella sparizione fosse un’ingiustizia e continuarono per lungo tempo ad indugiare sul da farsi. • Mentre Ridolino e Tentenna si attardavano a prendere una decisione, Nasofino e Trottolino dopo un po’ di sforzi trovarono finalmente una enorme riserva di nuovo Formaggio e poterono tirare un gran sospiro di sollievo. La coppia di gnomi ormai in preda a frustrazione e nervosismo continuava ad esaminare la situazione. Entrambi erano fermi sull’idea di continuare a girare intorno a quel solito Deposito per capire dove fosse finito il Formaggio e sperando che ricomparisse. L’autore evidenzia i due tipi di reazione e relativi comportamenti. • La svolta. Dopo tanti tentennamenti finalmente lo gnomo Ridolino ebbe l’idea che gli permise di uscire da quella brutta situazione. S’immaginò vividamente mentre assaporava il Nuovo Formaggio che lo aspettava in un nuovo deposito del Labirinto, e così trovò il coraggio per prepararsi ed uscire da lì. Lasciò il suo compagno Tentenna al vecchio deposito e riprese le sue ricerche nei meandri del Labirinto. Non fu facile e spesso si sentì solo e stanco. Ma quando questo accadeva, si ricordava degli insegnamenti che aveva imparato da quell’esperienza e la sua nuova consapevolezza lo portò alla scoperta di un nuovo ed enorme Deposito di delizioso Formaggio dove incontrò i topolini Nasofino e Trottolino.  • Quali insegnamenti poté trarre Ridolino? - ci invita a chiederci Johnson. Durante la sua avventura alla ricerca del nuovo Formaggio lo gnomo ebbe il modo e il tempo di riflettere sulla situazione nella quale lui e il suo compagno Tentenna si trovarono. Capì che: è del tutto naturale che le cose possano cambiare, il cambiamento è un’opportunità per migliorare e  il miglior modo per affrontarlo è anticiparlo; bisogna sorridere alle proprie paure per poterle affrontare e superare, utilizzare l’immaginazione per rendere reale l’obiettivo da raggiungere, allenare la capacità di agire rapidamente, nuove convinzioni stimolano nuovi e più produttivi comportamenti, smettere di curarsi del passato e concentrarsi sul presente. Citazioni: Lo gnomo Ridolino durante la sua esplorazione scrisse delle massime sui muri del Labirinto: «Il cambiamento è inevitabile (ci sarà sempre qualcuno che sposterà il formaggio)». «Prevedi il cambiamento (sii pronto quando il formaggio viene spostato)». «Controlla il cambiamento (annusa spesso il formaggio, così ti accorgi se diventa vecchio)». «Adattati rapidamente al cambiamento (quanto più rapidamente abbandonerai il vecchio formaggio, tanto prima gusterai quello nuovo)». «Cambia (spostati con il formaggio)». «Apprezza il cambiamento (assapora il gusto dell'avventura e goditi le delizie del nuovo formaggio)». «Sii pronto a cambiare rapidamente e a farlo con gioia sempre maggiore (ci sarà sempre qualcuno che sposterà il formaggio)».  Perché leggere questo libro:  Perché questa favola apparentemente molto semplice è in realtà una parabola nella quale tutti i lettori possono riconoscersi. Il cambiamento è una costante della nostra vita ed è importante sapere come affrontarlo senza lasciarsi sopraffare dalla paura. Perché il formato del libro invita alla lettura e la storia al suo interno cattura il lettore, con semplicità nel racconto ma con profondità di messaggio. Questa scheda è stata realizzata da Nicoletta G. Acquista il libro nella tua libreria preferita Noi consigliamo Il Giardino dei Libri per acquistare la tua copia